IL CACCIATORE DI AQUILONI

image

Hosseini ha una scrittura semplice e diretta, ma molto evocativa. Non si dilunga in eccessive descrizioni, e con brevi frasi riesce a riassumere l’anima di ogni suo personaggio.
Amir il protagonista, è un perfetto anti eroe, un ragazzino che diventa uomo senza combattere mai una battaglia, ma delegando sempre qualcuno al suo posto. Solo che a ogni azione, anche incompiuta c’è una causa e un effetto a cui è impossibile sottrarsi.
Per molto tempo è stato il mio libro preferito, forse in fondo lo considero ancora tale. È una lettera che ti lascia senza fiato, ti affezioni a due bambini indifesi e ai sapori di Kabul.

Ma questa per me era la sola opportunità di essere guardato e non soltanto visto, di essere ascoltato e non soltanto udito

Annunci