Il silenzio.

silenzio

Decifrare i silenzi è qualcosa di difficile ma allo stesso tempo molto affascinante. Sono una persona che li ama in particolar modo, anzi sono una vera cultrice del silenzio, ma il silenzio è anche pericoloso e tenero. Quindi ho deciso di analizzarlo per rafforzare il mio rapporto con “lui”.

Il silenzio è una parola sola ma in esso si nascondono diversi segni.

  1. Silenzio Fuga. Quando ci arrabbiamo e ce ne andiamo. Dopo un litigio con il fidanzato o con un’amica, sentiamo il desiderio di “punire” il nostro compagno sottraendoci a lui, ma allo stesso tempo vogliamo essere inseguiti, cercati e corteggiati. Questo è un mio classico silenzio che non riesco a dominare, ma penso faccia parte di tutti.
  2. Silenzio complicità. Quello tenero, in cui poterci cullare. Dove sei con il tuo partner e non c’è bisogno di parlare. Il silenzio è una delle cose più importanti da conquistare, significa riuscire ad essere più importanti della coppia, essere in contatto, condividere esperienze senza parole. Questo silenzio è la forma più alta di comunicazione, si riconosce quando si guarda nella stella direzione.
  3. Erotico. Siete soli con il partner, stesi su un letto disfatto a guardavi negli occhi, dopo aver fatto l’amore. Qui le parole non servono, tutto è già stato dimostrato. Le volte in cui lo fai senza parlare in cui hai quella strana sensazione di gustare tutto, quasi ti sembra di toccare questa magia generata dal silenzio.
  4. Difesa. A volte non si ha il coraggio di pronunciare i propri sogni, per paura di perderli o anche per paura di essere derisi. In coppia magari una volta lo hai detto al tuo compagno ma lui non ha capito quanto era importante per te, tu ti chiudi in un silenzio che può uccidere qualsiasi luce. Bisogna saper leggere anche il linguaggio del corpo.
  5. Aiuto. Penso ai più piccoli, ai bambini intimoriti, alle donne ferite, agli uomini soli, affannati in silenzio.  Questo non è quello che ti fa compagnia, questo silenzio ti lascia solo, urla aiuto, è il quello di chi non sa come chiederlo. In questo status ci siamo arenati un po’ tutti e continuiamo a caderci continuamente.
  6. Chiacchiericcio. Questo è il peggiore di tutti. Quando si parla, parla, parla senza dire niente, quando non si riesce a mettersi a nudo perché si ha paura di non essere interessanti. Forse molti di voi non lo considerano un tipo di silenzio ma io si, il più delle volte non si riesce a dire niente anche parlando per ore.
  7. Attrattivo. Tra i più eccitantiLo vedi per la prima volta, ti ha colpito, vuoi andare lì e parlarci, dirgli qualcosa di interessante ma non ti viene in mente niente, allora, te ne stai lì, in silenzio e parli con gli occhi. Non servono parole per trasmettere il desiderio e l’attrazione per un’altra persona. Anche quando passi una semplice penna, o balli tra mille persone, se qualcosa c’è, in silenzio lo si dice.
  8. Strozzato. Quello dove ti mancano le parole, quando vedi andare via una persona a te cara e ti senti ferito, solo, deluso. Non puoi farci niente, la vita ti mette di fronte  a delle scelte e spietata ti porta via persone importanti. In te resta solo il vuoto e questo silenzio che sanguina e prosciuga i tuoi sorrisi.

 

L’abisso si apre sotto i tuoi piedi, quando capisci che l’unico momento in cui veramente ti ascolta chi ti sta vicino è quando taci.

Annunci