Principe azzurro o buzzurro?

Situazione sentimentale? Bha, ordina un po’ di vino.

Le donne vogliono un uomo con il mantello azzurro? Oppure uno fascinoso che sventola l’ombrello dal tettuccio di una limousine? O ci garba anche quello che trova la pallina polverosa nell’ombelico prima di andare a dormire? maroooo

Le donne, soprattutto quelle di oggi, le stesse che indossano tailleur gessato e tacco alto, quelle con le Louboutin ai piedi, quelle che pagano le bollette, vogliono essere ancora salvate? Aspettano ancora il principe azzurro? Questa è una delle frasi che una donna non dovrebbe mai pronunciare, figuriamoci scrivere. Le ragazzine di oggi fortunatamente crescono diversamente. Ieri sera, ho avuto una conversazione interessante con una bambina, Molly. Aspettavamo entrambe, con le gambe incrociate alla porta del bagno: “Chi c’è in bagno?” mi ha chiesto, ed io le ho spiegato che era occupato, da tre ragazze, e molto probabilmente si stanno rifacendo carine per il loro principe. Molly mi guarda, arriccia le labbra e alza il piccolo indice verso di me: “Non è giusto, in bagno si va UNA alla volta, quelle poi chiacchierano, perché mi fanno aspettare così per un ragazzo.” Perché? Il fatto è che a noi poverette, è toccata la pilloletta Disney-e-Company degli anni 80 e 90, ci hanno imbottito di spadaccini valorosi e mele stregate, di lana scondinzolante tra le montagne, topolini e gatti parlanti, logicamente l’unica nota positiva, era un uomo! E che diavolo, quella poveretta di Cenerella tutto il dì a strofinare, meritava anche lei alla fine una badante, e quella stangona di Biancaneve? Soffriva di scoliosi per colpa dei nanetti, bella, bianca, etera ma soprattutto capace a gestire 7 piccoli nani dai più disparati caratteri. Secondo voi il principe Azzurro non si sarà fatto due conti? Non avrà pensato “se la salvo sono a posto per la vita”? Io credo premeditasse di metter su una bella squadretta di calcio, appoggiare i suoi bei stivaloni sul tavolino davanti al fuoco e godersela mentre la povera Biancaneve gestisce la progenie.
Alla fine Grimilde (la regina cattiva) è un’altruista, voleva salvarla da una vita d’inferno da casalinga sforna nani.
Poi ammettiamolo, la povera regina voleva solo essere la più bella del reame. Scagli la prima pietra chi non ha mai voluto, almeno una volta, essere la più bella del reame. Beate le streghe cattive e i loro xanax, le sfortunate-fortunate finivano in un sonno profondo, fino al suo arrivo, lo ‘smantellato turchese’, un bacetto e Bhooom, l’effetto mentos risveglia tutti i sensi! biancaneve_oggi
La piccola Molly cresce in compagnia di Peppa Pig, un maiale, e le principesse sono sopravvalutate.
Quindi se il principe azzurro non fosse mai arrivato? Se avesse bucato la ruota della Lamborghini o, se la partita a poker l’avesse incollato alla sedia? Biancaneve e la Bella Addormentata starebbero ancora a dormire? O dopo un po’ si sarebbe svegliata, avrebbe sputato la mela, trovato un lavoro, sottoscritto un’assicurazione sanitaria, e fatto un bambino grazie alla locale banca dello sperma?
Tra le vie di questa città per Cenerentola non c’e’ posto. C’e’ posto per i topolini e i capelli biondi, ma non per le storie da principessa. Le sole zucche che vanno di moda sono quelle di Halloween, e nessuno vuole che si trasformino in carrozze perche’ le metro sono piu veloci, assicurando il servizio fino a mezzanotte. Il mondo è sopravvissuto all’estinzione dei dinosauri, supereremo anche quella dei principi, principesse e lieto fine creando nuovi equilibri. Sempre con la speranza che la versione moderna non porti a scoprire che: il principe azzurro ha un’inclinazione per le MILF e scarica Biancavene per la matura Grimilde.

Io sono venuta su abbastanza bene, non ridete, non è una battuta. La mia pilloletta è stata Fantaghirò, e chi se la scorda, il maschiaccio dai pantaloni di camoscio e il caschetto alla Nino Dangelo, è Lei che risveglia Romualdo dal sonno, è Fantaghirò l’anti xanax, è l’effetto Prozac, caffè, RedBull, e tutto il suo animo spumeggiante apre gli occhi all’uomo di pietra. Oggi i principi azzurri sono tutti Gay, gli unici a capire le donne.image

La verita’, e’ che la verita’ cambia. E non siamo più quelle della vecchia fotografia attaccata alla parete.
Ma davvero c’è chi aspetta il principe azzurro? Siamo noi i nostri principi azzurri e dobbiamo salvarci da sole, sembra deprimente ma non lo è. Anche se dentro ogni donna single determinata e sicura di sé, c’è una delicata e fragile principessa, anche se siamo dei meravigliosi cigni, in ognuna di noi forse si nasconde un piccolo anatroccolo, che ha voglia di rannicchiarsi tra braccia forti e spalle larghe! Di sentire il pizzichio della barba e il tocco ruvido e delicato delle sue mani sui fianchi, mentre ci solleva al cielo come se fossimo
preziose. Aveva ragione la fata turchina, le donne vogliono solo essere salvate? Le donne il più delle volte non sanno cosa vogliono, e questa è la cosa che più ci spaventa. Quindi si, aspettiamo il principe azzurro, e se viene in ritardo ancor meglio per me, la piccola Molly deve insegnarmi ancora molte cose. Io voglio essere salvata, da un principe, possibilmente con l’estintore scacciapensieri e una tuta rosso smagliante, senza canotta, con tanto di berretto abbagliante! Il ranocchio poi, l’ho riposto in macchina, sperando che la mia modesta Seicento si trasformi in una Lamborghini!
image

 

Annunci