Il destino. L’amore. Una poesia.

tumblr_mr5tcnSbqa1s8pp0ao1_250Mentre scrivo distendo i piedi, bevo tè bianco caldo e in sottofondo c’è: “Just Be” di Paloma Faith. Mentre leggete imitate il mio rituale e imitate anche il rituale dell’amore.

Il destino. Il karma. Il fato.

La vita che non ti aspetti. Che come un paio di mani sugli occhi ti sorprende, in una sera anonima di marzo.

 

E noi. Sì Noi.

Due smemorati, quelli con le auto dai sedili consumati, i vetri impolverati e la benzina al rosso. Noi, quelli che vedono il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, quelli che se ci và lo rovesciamo, o lo riempiamo di Midori-Malibù-Tequila. Noi, a cui è dato scegliere se lasciarci trascinare dalla brezza o fermarci, respirare a pieni polmoni tutte le maledette sigarette per poi scegliere la direzione, infischiandocene di quella del vento, di quella che sussurra l’amica o Paolo Fox. Noi che non diciamo di no alle cazzate, a quelle che andrebbero fatte, solo per poterle ricordare perché senza ricordi non siamo poi un granché. Noi, scrittori-non-scrittori, che quando cambiamo andiamo punto e a capo, e sappiamo che chi si guarda indietro è perduto, che come disse il grande Andrea Pazienza, non bisognerebbe farlo mai, nemmeno per prendere la rincorsa.

Perché io voglio dubbi, brillanti e travolgenti ed insoliti e precari e teatrali, ma dubbi. Cazzo. Perché l’agire secondo la testa, secondo la direzione giusta, secondo il buon senso, la comune morale, le indicazioni dell’Iphone, e mai o quasi, secondo il cuore non ci si scrive nessuna parola d’amore. Perché le cose quando ti viene voglia di farle le dovresti fare, e basta. Perché so che non sarà sempre rose e fiori, con i nostri sbadigli, dettati dalla noia lungo la strada che ci porta al lavoro. Perché so che l’amore, per noi stessi, ci regalerà chilometri, tanti, e forse un giorno io davvero prenderò il treno, l’ultimo, lontano dai libri noiosi, dai soldi spesi in moda, dall’alcool e dalla benzina troppo cara, senza mai viaggiare ubriaca e con un bel vestito.

L’augurio, in una giornata così di trovare, tra un sole afoso, una partita di pallone,1000 pagine di storia da imparare, un amore. Una persona. Una passione. Un sogno. Un’ambizione. Un’idea. Una poesia dedicatami tempo fa, quella scritta da un ragazzo che non aspettava altro che essere visto. Come un uomo, sensibile, presuntuoso, colto, pessimista, magnetico, egoista. Bello, tutto. Che aspettava un amore. Che lesse una notte con voce tremante, labbra secche e cuore in subbuglio, che scrisse, queste parole:

Poesia per un amico.

Vulesse ca nisciun te tuccasse
Vulesse ca o ciel me guardasse
E me sputasse nfaccia
Cu na pioggia allegra
Ca annasconne tutta sta malincunia
Vulesse ca nu juorno me scetasse
E tutta l’aria ca teng sott e scarpe
Se trasfurmasse rind a l’acqua
Ca rind o ciume scorre
E abbagna e fianc tuoje liggier
E cu a mancanza e ciat
Vulesse ca poi turnasse a scorrere rind e vene
A forza e sta tempesta ca sconquassa
Core, cerviell e sang e rind all’ossa
Trase cum a nu curtiell doce
E s’accumpagn chian chian
Vers a fine ra jurnata cu te affianco
E accussì o scorrere ro tiemp è na delizia
Pecché mi lascia semp n’ata voglia nova
E senza le mancanze ca sta vita c’ha concesso
Mi rende rind a stu vortice e penzier
Cum si fosse ancora, n’ata vot e semp sazio.
Vulesse allor semp sperà rind a sta proposta
Ca stu bagn a mare se trasfurmasse rind a na pesca redditizia
Ca sta fonte e luce m’accecasse ma senza e mi togliere a vista
Ca stu fuoc e brace mi cucesse pure a carne chiù mulliccia
Ca sta vucchella e st’uocchie me purtassero rind a via giusta
Ca stu pass a stient addiventasse veloce e chin e forza
Pe correre sta maratona senza sosta
Attaccat a na mbriachij ca ancor mi stona a tempia
E mi fa doce pure o vino chiù malamente.

Salvatore D’Arienzo.

E se non avete capito nulla (per il dialetto napoletano) siete sulla via giusta. L’amore non va capito, non va letto con gli occhi, l’amore è la luce, che entra in ogni crepa. L’amore ti fa sostituire una parola che non capisci con un’altra che sogni. L’amore è una cosa semplice, non facile. Ma questa è un’altra storia.

tumblr_mx4ikbQyvp1ry21ujo1_1280 tumblr_inline_mrp89wwcDK1qz4rgp8f92de84763d350d85baa5be02eda1ffGGM2

Annunci